Il Bilancio Sociale e di Missione: un modo per stabile un contatto più stretto con i soci e la comunità locale

Non sono momenti facili. Tutti ne hanno consapevolezza. Si conoscono bene i problemi con i quali ci si sta misurando, già da alcuni anni, per superare la crisi. La svolta, tra l’altro non è imminente. Nelle situazioni caratterizzate da grande complessità e da incertezze, si  avverte – però – la necessità di stare assieme e di comunicare di più. Si sviluppa, in maniera spontanea, la ricerca degli altri, la voglia di confrontarsi per sentirsi meno soli nell’affrontare con maggiore determinazione le crescenti sfide quotidiane.  In un momento difficile, i valori fondanti del Credito Cooperativo, in primis quelli della solidarietà e della sussidiarietà, si sono rivelati sul campo per sostenere famiglie ed imprese. La prossimità all’economia locale e alle comunità locali è da sempre la “mission” delle banche di credito cooperativo. La storia ultracentenaria di queste  banche è fortemente caratterizzata dalla mancanza di contraddizioni ed, al contempo, dall’ esistenza di valori armonici e integrati  nelle diverse espressioni del territorio e delle comunità locali. Le piccole Casse Rurali, oggi Banche di Credito Cooperativo, trovano nel passato le ragioni del  presente e del futuro grazie ad un codice genetico costituito da valori  di grande importanza e sempre attuali. “Cooperazione”, “Mutualità” e “Localismo” sono i valori distintivi innati che hanno reso e rendono  il Credito Cooperativo un modello di banca differente e di successo, dotato di una particolare  capacità di adattamento  nel tempo ai cambiamenti  di contesto del sistema economico- sociale nazionale.

La Banca di Credito Cooperativo di Capaccio Paestum, coerentemente coi principi richiamati, a prescindere dalle congiunture più o meno sfavorevoli, da  sessanta anni  raccoglie ed investe denaro nei luoghi dove opera da sempre. Infatti:

–       ieri come oggi,  svolge il ruolo di banca  mutualistica del territorio per intercettare e soddisfare  le necessità economico sociali delle comunità locali;

–       ieri come oggi, persegue l’obiettivo di promuovere sviluppo dal basso, rendendo protagonisti  i soci, le persone; ieri (1953), i protagonisti  sono stati soprattutto  gli agricoltori e gli artigiani, che nel mettere assieme i  pochi mezzi disponibili costituirono la Cassa Rurale  per cercare di combattere le non poche avversità e contribuire – contestualmente – alla crescita del paese dove vivevano; oggi, la Cassa Rurale ed Artigiana, diventata dal 1993 Banca di Credito Cooperativo, senza cambiare nella sostanza, continua a svolgere una funzione di lievito per l’economia del territorio sostenendo prevalentemente le famiglie, i professionisti,  le piccole e medie imprese, i giovani;

–       ieri come oggi cerca di esaltare il proprio modello di banca differente grazie al forte radicamento nel territorio ed alla fiducia dei risparmiatori, di sostenere l’economia del luogo ed in modo specifico le relazioni creditizie in essere e quelle nuove.

In un momento di crisi, ma allo stesso tempo, particolare e speciale, come quello che si sta vivendo, la BCC di Capaccio Paestum vuole fare di più, vuole ripercorrere la propria storia,  promuovere i  valori distintivi del Credito Cooperativo tra le nuove generazioni, ha voglia di comunicare, di ascoltare, di coinvolgere, di dialogare per produrre utilità e vantaggi. Vuole contribuire, così come previsto dalla Carta dei Valori del Credito Cooperativo, per creare valore economico, sociale e culturale a beneficio dei soci e della comunità locale e “fabbricare” fiducia. Per questo motivo è stato realizzato  il nuovo sito internet e si è entrati sui social network a partire da Facebook; questi strumenti occupano, oggi, un ruolo sempre più importante; la comunicazione web  rappresenta la nuova frontiera, consente di azzerare le distanze ed i tempi, aiuta a dialogare in maniera veloce con i soci, i  clienti e con il mercato di riferimento. Soprattutto, le nuove dinamiche comunicative consentono di passare da un ascolto passivo ad un ascolto attivo. Si è convinti  che tutto questo, coerentemente con i  valori distintivi, non può che rafforzare il ruolo di banca locale, costituita da persone, che lavora per le persone.

Allo stesso tempo, dopo alcuni anni di colpevole assenza,  si è pensato di riproporre  il Bilancio Sociale e di Missione  per  rafforzare il legame con i propri portatori di interesse, in primis i soci e la comunità locale.

Il bilancio sociale non deve essere inteso come un ulteriore adempimento per la BCC, ma come una modalità necessaria per rappresentare e valorizzare la complessiva attività di una banca mutualistica radicata nel territorio.

L’intenzione è quella stabilire, attraverso il bilancio sociale, un contatto sempre più stretto  per condividere idee e pensieri, per raccontare le cose fatte e quelle da fare  raccogliendo il contributo dei Soci e dei Clienti. E’ un modo per iniziare a  progettare insieme. E “Progettare Insieme” è anche lo slogan che contraddistingue da un anno tutte le  iniziative della BCC di Capaccio Paestum (prodotti, servizi, manifestazioni sociali e culturali) per diffondere il desiderio del “fare assieme”  per soddisfare le aspettative delle persone e del territorioPer essere incoraggiati  nell’azione che  si vuole portare avanti,  la Banca  ha fatto proprio un pensiero espresso dal Presidente nazionale di Federcasse, avv. Azzi, in occasione del XIV Congresso del Credito Cooperativo tenutosi a Roma l’8-11 dicembre 2011:“Guardare al futuro quando il presente morde, può apparire un esercizio improprio, quasi filosofico. Eppure è solo progettando il domani che si possono porre le basi del cambiamento”.

il direttore

Giancarlo Manzi

Bilancio 2012 (pdf) – Sfoglia online

BCC Space presenta: Mostra statica della Lambretta dal 1947 al 1970

Ritorna “Apertura”, l’Aperitivo Culturale di BCC Capaccio Paestum. La Sede Centrale della BCC
>leggi

TreGiorni e TreNotti: alla scoperta del fiume Sele

Operazione“DifendiAMO il SELE” La Bcc di Capaccio Paestum è sempre attenta nel promuovere
>leggi

Concluso il VII Forum dei Giovani Soci del Credito Cooperativo a Paestum

Si sono conclusi domenica 1 ottobre i lavori del VII Forum dei Giovani
>leggi

Meno male che ci ho pensato per tempo!

Meno male che ci ho pensato per tempo! Settembre è il mese del
>leggi